Analisi grammaticale

Cerca un argomento

L’articolo

L’articolo è una parola che precede un nome e che ha il suo stesso genere (maschile o femminile) e il suo stesso numero (singolare o plurale):

Il viale

La nonna

I conigli

Ad esempio, l’articolo il è maschile e singolare, esattamente come il nome viale a cui è riferito.

L’articolo può essere determinativo o indeterminativo. Se è determinativo (il, lo, la, i, gli, le), serve a precisare meglio il nome a cui è legato. Se invece è indeterminativo (un, uno, una), indica qualcosa di generico.

Se ad esempio diciamo la casa, facciamo riferimento a una casa specifica, non a una qualunque. Se invece diciamo un sogno, ci riferiamo a un sogno imprecisato, un sogno qualunque.

Ecco una tabella riassuntiva degli articoli italiani:

Determinativi

MaschileFemminile
SingolareIl / LoLa
PluraleI / GliLe

Indeterminativi

MaschileFemminile
SingolareUn / UnoUna

L’articolo indeterminativo ha solo il singolare.

L’elisione

Quando un articolo al singolare si trova davanti a una parola che inizia per vocale, la vocale dell’articolo cade e al suo posto viene messo un apostrofo.

Questo fenomeno si chiama elisione:

Lo invernoL’inverno
La ombraL’ombra

Gli articoli al plurale invece non si elidono mai (le ombre).

Nel caso dell’articolo indeterminativo questa cosa si verifica soltanto con il femminile, perché per il maschile viene sempre usato un davanti a una parola che inizia per vocale (e quindi non c’è bisogno di elidere niente):

Una estateUn’estate

È importante ricordarsi che l’articolo indeterminativo seguito da una parola che inizia per vocale:

  • al maschile non ha mai l’apostrofo (un aereo)
  • al femminile ha sempre l’apostrofo (un’idea)

L’articolo partitivo

Oltre agli articoli determinativi e indeterminativi esiste un altro tipo di articolo, l’articolo partitivo, che viene usato per esprimere una quantità imprecisata del nome a cui è legato e che si forma unendo la preposizione di alle forme dell’articolo determinativo:

Singolare
Del, DelloDi + Il / Lo
DellaDi + La
Plurale
Dei, DegliDi + I / Gli
DelleDi + Le

L’articolo partitivo ha quindi lo stesso aspetto delle preposizioni articolate. Vediamo alcuni esempi di frasi che contengono un articolo partitivo:

Ho comprato del pane.

Ho letto delle riviste.

Ho sentito dei rumori.

Come faccio a distinguere un articolo partitivo da una preposizione articolata? È molto semplice, basta vedere se la forma che abbiamo davanti può essere sostituita da un po’ di oppure no. Se può essere sostituita, si tratta di un articolo partitivo:

Ho comprato del pane.

Ho sistemato i cuscini del divano.

Nel primo caso possiamo sostituire del con un po’ di (“ho comprato un po’ di pane”), per cui si tratta di un articolo partitivo. Nel secondo caso invece questa sostituzione non è possibile, perché la frase non avrebbe senso (“ho sistemato i cuscini un po’ di divano”), per cui si tratta di una preposizione articolata.

Come si fa l’analisi grammaticale dell’articolo?

Quando ci troviamo di fronte a un articolo, dobbiamo indicare i seguenti elementi:

  • se è determinativo, indeterminativo o partitivo
  • se è maschile o femminile
  • se è singolare o plurale

Ad esempio, nella frase “il cane corre per strada” l’analisi grammaticale dell’articolo il deve essere fatta in questo modo:

Il = Articolo determinativo maschile singolare

In caso di elisione, dobbiamo specificare la forma originaria dell’articolo. Ad esempio, nella frase “abbiamo trascorso un’estate fantastica” faremmo così:

Un’ = Articolo indeterminativo femminile singolare (una)

Lo stesso vale per gli articoli partitivi, per i quali dobbiamo indicare l’articolo con cui si è fusa la preposizione di. Ad esempio, nella frase “ho raccolto dei fiori” faremmo così:

Dei = Articolo partitivo maschile plurale (di + i)

Attenzione

Per evitare di confondere l’articolo con altre parti della frase che gli assomigliano (come ad esempio le particelle pronominali), basta ricordarsi che dopo l’articolo deve esserci sempre un nome. Se non c’è un nome, il termine che stiamo analizzando non è un articolo:

Lo studente va a scuola molto presto

Lo hanno visto tutti

Nel primo caso lo è seguito da un nome, per cui è un articolo. Nel secondo caso invece è seguito da un verbo, per cui non è un articolo (bensì una particella pronominale).

Come si usano gli articoli in italiano?

Per sapere quale dei diversi articoli maschili bisogna usare davanti a un nome in italiano, basta seguire questo schema:

Il / I

Davanti a tutte le consonanti, eccetto z, x, ps, gn, pn e s+consonante

Il pesce

I gatti

Lo / Gli

Davanti a tutte le vocali e alle consonanti z, x, ps, gn, pn e s+consonante

Lo scoiattolo

Gli animali

Un

Davanti a tutte le vocali e a tutte le consonanti, eccetto z, x, ps, gn, pn e s+consonante

Un ippopotamo

Un missile

Uno

Davanti alle consonanti z, x, ps, gn, pn e s+consonante

Uno stadio

Uno gnomo

Per gli articoli femminili invece non bisogna fare queste distinzioni, perché sia al singolare sia al plurale hanno un’unica forma:

La strada

Le macchine

Una stagione

Ovviamente, se il nome è al singolare e inizia per vocale, l’articolo si elide (l’aurora, un’esperienza…), cosa che vale anche per il maschile (l’autunno, l’orso…).