Latino

Cerca un argomento

L’ablativo assoluto

L’ablativo assoluto è un costrutto formato da un nome o un pronome (che fungono da soggetto) e da un participio (che funge da verbo), entrambi all’ablativo:

Militibus convocatis

Qui il nome è militibus (ablativo di miles) e il participio è convocatis (dal verbo convoco).

Come si traduce?

L’ablativo assoluto può essere tradotto in quattro modi:

  • Proposizione causale
  • Proposizione temporale
  • Proposizione concessiva
  • Gerundio

In linea teorica anche con una proposizione ipotetica, ma si tratta di un caso molto raro.

A seconda del fatto che l’ablativo assoluto contenga un participio presente o un participio perfetto, le sue caratteristiche (e di conseguenza il modo in cui queste quattro proposizioni vengono rese in italiano) cambiano:

Ablativo assoluto con il participio presente

Il verbo può essere di qualunque tipo (transitivo, intransitivo, attivo, deponente). Inoltre, l’azione dell’ablativo assoluto avviene nello stesso momento di quella della frase principale (esprime cioè contemporaneità) ed è attiva (il soggetto compie l’azione).

Ineunte vere, puellae canunt

Poiché inizia la primavera, le ragazze cantano

Mentre inizia la primavera, le ragazze cantano

Nonostante inizi la primavera, le ragazze cantano

Iniziando la primavera, le ragazze cantano

Come tradurlo

Traduciamo il participio latino in italiano al presente (se la frase principale ha un tempo principale) oppure all’imperfetto (se la frase principale ha un tempo storico), dopodiché gli mettiamo davanti la particella adatta (poiché, mentre, nonostante).

Ablativo assoluto con il participio perfetto

Il verbo può essere solamente deponente intransitivo oppure transitivo attivo (D.I.T.A.). Inoltre, l’azione dell’ablativo assoluto avviene prima di quella della reggente (esprime cioè anteriorità) ed è passiva (il soggetto subisce l’azione).

Urbe capta, milites exsultaverunt

Poiché la città era stata presa, i soldati esultarono

Dopo che la città fu presa, i soldati esultarono

Nonostante la città fosse stata presa, i soldati esultarono

Essendo stata presa la città, i soldati esultarono

Come tradurlo

Il modo più semplice è tradurre il participio latino con il participio passato italiano e mettere subito dopo il nome a cui è riferito:

Urbe captaPresa la città
Mortuo regeMorto il re
Consule interfectoUcciso il console

In alternativa si traduce il participio con un tempo che sia anteriore a quello della principale e gli si mette davanti la particella più adatta (poiché, dopo che, nonostante), facendolo poi seguire dal nome a cui è riferito.

L’ablativo assoluto nominale

In alcune espressioni tipiche l’ablativo assoluto è costituito solamente da un sostantivo più un altro sostantivo, aggettivo o pronome (ablativo assoluto nominale). In questo caso è sottinteso il participio del verbo sum:

Natura duce

Con la natura come guida

Cicerone consule

Sotto il consolato di Cicerone

Hannibale vivo

Mentre Annibale era in vita

Perché si chiama così?

L’ablativo assoluto si chiama così perché è absolutus (sciolto), cioè slegato dal resto della frase, nel senso che non è connesso grammaticalmente a nessun altro elemento.