Latino

Cerca un argomento

Il participio futuro (deponenti)

Il participio futuro dei verbi deponenti ha forma attiva ed è pertanto uguale al participio futuro dei verbi normali:

1a coniugazione
Hortatūrus, -a, -umChe sta per esortare
2a coniugazione
Veritūrus, -a, -umChe sta per temere
3a coniugazione
Secutūrus, -a, -umChe sta per seguire
4a coniugazione
Largitūrus, -a, -umChe sta per donare
Coniugazione mista
Passūrus, -a, -umChe sta per soffrire

Attenzione

Il participio futuro dei verbi deponenti può essere tradotto in tre modi (proprio come qualsiasi participio futuro):

  • che sta per…
  • che ha intenzione di…
  • che è destinato a…

Ad esempio, hortatūrus è traducibile sia con “che sta per esortare” sia con “che ha intenzione di esortare” sia con “che è destinato a esortare”.

Corretta pronuncia dei verbi

Per sapere come pronunciare correttamente le varie forme verbali, basta seguire le normali regole dell’accento latino e controllare quindi la quantità della penultima sillaba. Se è lunga, l’accento si trova lì; se invece è breve, l’accento si trova sulla terzultima sillaba. Inoltre, l’accento non si trova mai sull’ultima sillaba.